bias

Il bias è una forma di distorsione della valutazione causata dal pregiudizio. La mappa mentale di una persona presenta bias laddove è condizionata da concetti precedenti non necessariamente connessi tra loro da legami logici e validi. Il bias, contribuendo alla formazione del giudizio, può quindi influenzare un'ideologia, un'opinione e un comportamento

ISO/IEC 33072 più sicuri da 0 a 5...

pubblicato da Calogero Bonasia   [ aggiornato in data ]

Disponibile soltanto nella lingua povera di James Bond, la ISO/IEC 33072 sui processi della sicureza delle informazioni (il link per scaricarla è questo:


Si tratta dell'ennesimo polpettone giuridico-tecnico che dipinge uno scenario assurdo per la realtà della "sicurezza informatica" dei giorni nostri.

Poco meno di 200 pagine, "avvincenti" quanto i Promessi Sposi, che descrivono i processi che dovrebbero essere messi in atto nelle organizzazioni: adesso si adotta un criterio di misurazione della capability che va da 0 a 5, già superato, a mio modesto avviso, rispetto alle problematiche "della vita reale". 

#infosec-omplicata #fuffagarbugli




trim SSD

pubblicato 21 lug 2016, 03:13 da Calogero Bonasia   [ aggiornato in data ]

Il comando TRIM permette al sistema operativo di comunicare al disco a stato solido quali blocchi di dati non sono più utilizzati.

Per controllare se il disco SSD supporta TRIM, individuare la partizione con:

sudo fsdisk -l

e poi digitare

sudo hdparm -I /dev/sda1 | grep "TRIM"

ipotizzando che la partizione sia sda1

se il TRIM non è supportato non viene restituito nessun risultato, altrimenti dovreste poter leggere qualcosa di simile

Data Set Management TRIM supported (limit 8 blocks) 

quindi procedere una tantum con il comando

sudo fstrim -v /

oppure potete usare questo script inserendolo in /etc/cron.daily (chiamandolo trim)

#!/bin/sh
LOG=/var/log/trim.log
echo "*** $(date -R) ***" >> $LOG
fstrim -v / >> $LOG

abilitare all'esecuzione dando

sudo chmod +x /etc/cron.daily/trim 

#amen #ssd #trim #harddisk #linux #ubuntumate



il tempo è sempre poco per essere sprecato

pubblicato 19 lug 2016, 06:45 da Calogero Bonasia   [ aggiornato in data 19 lug 2016, 06:48 ]

Quando ho letto questa poesia sono rimasto folgorato dalla sua intensità e dalla verità che sgorga da ogni riga. 

Sembra scritta apposta per me: rappresenta perfettamente il sentimento che nutro in questa stagione delle mia vita.

Il tempo è sempre poco per essere sprecato e nulla è più avvilente di farlo con persone inutili. 

Questa poesia di Andrade parla di rispetto, per se stessi e per gli altri.

Ho contato i miei anni ed ho scoperto che ho meno tempo da vivere da qui in avanti di quanto non ne abbia già vissuto.

Mi sento come quel bambino che ha vinto una confezione di caramelle e le prime le ha mangiate velocemente, ma quando si è accorto che ne rimanevano poche ha iniziato ad assaporarle con calma.

Ormai non ho tempo per riunioni interminabili, dove si discute di statuti, norme, procedure e regole interne, sapendo che non si combinerà niente…

Ormai non ho tempo per sopportare persone assurde che nonostante la loro età anagrafica, non sono cresciute.

Ormai non ho tempo per trattare con la mediocrità. Non voglio esserci in riunioni dove sfilano persone gonfie di ego.

Non tollero i manipolatori e gli opportunisti. Mi danno fastidio gli invidiosi, che cercano di screditare quelli più capaci, per appropriarsi dei loro posti, talenti e risultati.

Odio, se mi capita di assistere, i difetti che genera la lotta per un incarico maestoso. Le persone non discutono di contenuti, a malapena dei titoli.

Il mio tempo è troppo scarso per discutere di titoli.

Voglio l’essenza, la mia anima ha fretta…

Senza troppe caramelle nella confezione…

Voglio vivere accanto a della gente umana, molto umana.

Che sappia sorridere dei propri errori.

Che non si gonfi di vittorie.

Che non si consideri eletta, prima ancora di esserlo.

Che non sfugga alle proprie responsabilità.

Che difenda la dignità umana e che desideri soltanto essere dalla parte della verità e l’onestà.

L’essenziale è ciò che fa sì che la vita valga la pena di essere vissuta.

Voglio circondarmi di gente che sappia arrivare al cuore delle persone…

Gente alla quale i duri colpi della vita, hanno insegnato a crescere con sottili tocchi nell’anima.

Sì… ho fretta… di vivere con intensità, che solo la maturità mi può dare.

Pretendo non sprecare nemmeno una caramella di quelle che mi rimangono…

Sono sicuro che saranno più squisite di quelle che ho mangiato fin’ora.

Il mio obiettivo è arrivare alla fine soddisfatto e in pace con i miei cari e con la mia coscienza. Spero che anche il tuo lo sia, perché in un modo o nell’altro ci arriverai…”


(Mario De Andrade)


ponti radio VHF lombardia

pubblicato 12 lug 2016, 09:28 da Calogero Bonasia   [ aggiornato in data 12 lug 2016, 09:30 ]

R7A 
QRA: IR2Z
QTH: Bergamo (BG)
Uscita: 145.7875 MHz
Ingresso: 145.1875 MHz
Tono 1750 Hz:

R2 
QRA: IR2B
QTH: Monte Penice, Menconico (PV)
Uscita: 145.650 MHz
Ingresso: 145.050 MHz
Tono 1750 Hz:

R3A 
QRA: IR2P
QTH: Faro, Brunate (CO)
WWL: JN45nt
Stato: Attivo
Uscita: 145.6875 MHz
Ingresso: 145.0875 MHz
Tono 1750 Hz:
Tono subaudio: 71,9 Hz
Abilitazione: Fonia
Potenza: 5 W
Antenna: Collineare
Guadagno d'antenna: 3 dB
Latitudine: 45° 49' 33" N
Longitudine: 6° 9' 0" E
Altitudine: 1000 metri s.l.m.
Proprietà: ARI - Sezione di Como

R4 
QRA: IR2M
QTH: Monte Colombè, Edolo (BS)
Stato: Attivo
Uscita: 145.700 MHz
Ingresso: 145.100 MHz
Proprietà: C.I.S.A.R.

R4 
QRA: IR2F
QTH: Azzano San Paolo (BG)
WWL: JN45up
Stato: Attivo
Uscita: 145.700 MHz
Ingresso: 145.100 MHz
Antenna: 1 Rx + 1 Tx direzione Nord
Altitudine: 230 metri s.l.m.
Proprietà: ARI - Sezione di Bergamo

R2A 
QRA: IR2I
QTH: Monte Prasanto, Canzo (CO)
WWL: JN45pu
Stato: Attivo
Uscita: 145.6625 MHz
Ingresso: 145.0625 MHz
Tono 1750 Hz:
Tono subaudio: 71,9 Hz
Abilitazione: Fonia
Potenza: 10 W
Antenna: Comet GP6
Guadagno d'antenna: 6,5 dB
Altitudine: 1245 metri s.l.m.
Proprietà: ARI - Sezione di Erba (CO)

R0 
QRA: IR2AK
QTH: Parco Adda Nord, Capriate San Gervasio (BG)
WWL: JN45so
Stato: Attivo
Uscita: 145.600 MHz
Ingresso: 145.000 MHz
Tono 1750 Hz:
Altitudine: 200 metri s.l.m.
Proprietà: C.I.S.A.R.

R5 
QRA: IR2C
QTH: Grattacielo Pirelli, Milano (MI)
WWL: JN45qr
Stato: Attivo
Uscita: 145.725 MHz
Ingresso: 145.125 MHz
Tono 1750 Hz:
Tono subaudio: 71.9 Hz
Abilitazione: Fonia
Potenza: 10 W
Antenna: Dipolo verticale Kathrein Monobanda
Proprietà: ARI - Sezione di Milano

R5 
QRA: IR2E
QTH: Aprica (SO)
Uscita: 145.725 MHz
Ingresso: 145.125 MHz
Tono 1750 Hz:
Abilitazione: Fonia
Proprietà: ARI - Sezione di Sondrio

R1 
QRA: IR2A
QTH: Monte Maddalena, Brescia (BS)
Uscita: 145.625 MHz
Ingresso: 145.025 MHz
Tono 1750 Hz:
Proprietà: ARI - Sezione di Brescia

R5A 
QRA: IR2D
QTH: Monte Campo dei Fiori, Varese (VA)
Uscita: 145.7375 MHz
Ingresso: 145.1375 MHz
Tono 1750 Hz:
Tono subaudio: 71.9 Hz
Proprietà: ARI - Sezione di Varese

R6 
QRA: IR2Q
QTH: Ingresso autostrada, Desenzano (BS)
Uscita: 145.750 MHz
Ingresso: 145.150 MHz
Tono 1750 Hz:
Tono subaudio: 77.0 Hz
Proprietà: Polo Positivo
Note: Fa parte del "Sistema Campiglio"

R7 
QRA: IR2AB
QTH: Monte Bue, Cene (BG)
Stato: Attivo
Uscita: 145.775 MHz
Ingresso: 145.175 MHz
Tono 1750 Hz:

R7A 
QRA: IR2H
QTH: Brescia (BS)
Uscita: 145.7875 MHz
Ingresso: 145.1875 MHz
Tono 1750 Hz:
Abilitazione: Fonia
Proprietà: ARI - Sezione di Brescia




#radioamatori #vhf #pontiradio #comepubblicarelefrequenzesulwebnel2016

Confluence: accesso ad Internet tramite proxy

pubblicato 12 lug 2016, 02:04 da Calogero Bonasia   [ aggiornato in data 12 lug 2016, 02:04 ]


Alcune macro di Confluence, come ad esempio quelle per gestire un feed RSS oppure un TeamCalendar agganciato a gmail, necessitano di un accesso ad Internet per funzionare correttamente.


Se l'installazione di Confluence è avvenuta in un ambiente protetto da DMZ probabilmente non sarà possibile "uscire su Internet" in maniera diretta ma si dovrà attraversare un proxy.


Bisogna modificare il file catalina.properties in modo da dichiarare il proxy ad esempio in questo modo


http.proxyHost=proxy-dmz.dominio.net

http.proxyPort=8080

http.proxyUser=''

http.proxyPassword=''

https.proxyHost=proxy-dmz.dominio.net

https.proxyPort=8080

https.proxyUser=''

https.proxyPassword=''

http.nonProxyHosts=localohost|127.0.0.1|*.dominio.net


In particolare in questo esempio viene utilizzata una direttiva http.nonProxyHosts che consente di eludere il proxy per le richieste alla rete interna.




#confluence #atlassian 

installare exim4

pubblicato 12 lug 2016, 00:47 da Calogero Bonasia   [ aggiornato in data 12 lug 2016, 00:47 ]

exim4 è un MTA (Message Transfer Agent) per Unix/Linux alternativo a sendmail, per installarlo

sudo apt-get install exim4 exim4-base exim4-config

e per configurarlo

sudo dpkg-reconfigure exim4-config

saranno visualizzate diverse schermate per configurare i diversi parametri. La configurazione viene 
salvata nel file

/etc/exim4/update-exim4.conf.conf

che può essere modificato a mano, se necessario, oppure viene aggiornato ogni volta che si rieseguirà il wizard.

Per convalidare la configurazione si scrive

sudo update-exim4.conf

che genera un file in

/var/lib/exim4/config.autogenerated

questo file non va modificato a mano perché viene aggiornato ogni volta che si esegue il comando

update-exim4.conf

mentre per avviare exim4 si scriverà

sudo /etc/init.d/exim4 start




#exim #mailserver

Control your bandwidth with Trickle

pubblicato 09 lug 2016, 00:06 da Calogero Bonasia   [ aggiornato in data 09 lug 2016, 00:09 ]

Trickle regulates speeds by delaying the data transferred over a socket. 

Trickle provides an alternate version of the BSD socket API, with the effect that socket calls are now handled by Trickle. 

Speed is limited by controlling the amount of the data written or read from a socket. 

Trickle can only work on TCP connections, so you can't use it to regulate UDP stream connection such as DNS.

how to install it in Ubuntu:

sudo apt-get install trickle

I believe the easiest way to use it is in stand-alone mode

trickle -s -d 20 -u 10 /path/to/my/app

The -s parameter makes it go into standalone mode, -d is download limit (optional), -u is upload limit(optional), in KB/s.

It can also run as a daemon. If you want to explore it's capabilities here's a reference:

http://www.tuxradar.com/content/control-your-bandwidth-trickle



#trickle #bandwidth #limit #upload #download



Che cos’è il Freaky Friday ?

pubblicato 06 lug 2016, 09:16 da Calogero Bonasia   [ aggiornato in data 08 lug 2016, 18:19 ]


Essere empatici. Cercare di capire a che cosa le persone danno veramente valore.

Il motivo per cui organizziamo i Freaky Friday è questo: condividere esperienze e idee per poter innovare noi stessi ed i nostri clienti.


Tu pensi qualcosa, io ho un’idea, qualcuno la perfeziona… è il cosiddetto “human-centred approach“, la multidisciplinarità e la collaborazione di David Kelley.


Collaborazione, creatività e propensione per le “wild ideas” che permettono di andare oltre i limiti della conoscenza, per un approccio innovativo al modo di fare business.


Durante i Freaky Friday applichiamo sei passaggi:


1. identificare (un’opportunità

2. progettare

3. sviluppare il “prototipo”

4. confrontarsi

5. migliorare e diffondere e infine …

6. presentare l’idea


Un “loop di apprendimento“. È sul concetto di “gruppo di lavoro” che si crea una perfetta intersezione tra le tecnologie, il business e i valori umani. “Prototipare velocemente” è un’altra maniera di visualizzare e collaudare nuove soluzioni e tecnologie.


I prototipi sono “mezzi di comunicazione” che consentono all’interlocutore una valutazione pragmatica e spendibile dell’idea di progetto. Nessuna idea è troppo stupida. Il fallimento fa parte del processo che porta al successo.


Gli incontri sono informali e sono aperti anche a “persone” che come noi e con noi vogliono condividere un’esperienza o un’impresa. Vogliamo offrire a tutti quanti la possibilità di compiere “balzi intuitivi“, di pensare in maniera differente (come diceva anche Steve Jobs) e di vedere in maniera nuova i vecchi problemi.




#impresadipersone #freakyfriday



considerazioni sulla stima dei tempi di un progetto

pubblicato 06 lug 2016, 09:12 da Calogero Bonasia   [ aggiornato in data 06 lug 2016, 09:13 ]

#2010 #projectmanagement #agile

Secondo il vocabolario la "stima" è la determinazione di un valore ignoto per mezzo di valutazioni soggettive e approssimative".

Si stimano ad occhio le distanze, quando si guida o si stima la temperatura uscendo da casa o un "chilo di mele" al supermercato.

Quindi le stime sono valutazioni, non obiettivi da raggiungere.

Inoltre, le stime sono imprecise per "definizione", per questo motivo si modificano progressivamente sulla base degli elementi nuovi o misurati meglio.

Un progetto per l'implementazione di un sistema di gestione documentale, quindi, comporta delle stime, sulla base dei pochi (pochissimi) elementi chiari all'inizio, e mano a mano che si accumulano altri elementi, si affina la previsione di stima.

Questo semplice concetto, sembra impossibile da comprendere per alcuni che solitamente indossano una elegante cravatta e tra una sortita su Facebook e due colpetti di indice o medio sull'iPhone 5 appena comprato, ritiengono di essere in grado di gestire un progetto e coordinare attività di fornitori, partner e clienti semplicemente inoltrando email dagli uni verso gli altri...

Come si legge nel libro di Philip Armour, The Laws of Software Process: "Gli sviluppatori esperti sanno che tutti i loro sforzi per stimare l’impegno necessario risultano comunque inadeguati, rispetto a ciò che il progetto richiederà effettivamente".



libro di riferimento:





backup con rsync e una chiave pubblica ssh

pubblicato 06 lug 2016, 09:07 da Calogero Bonasia   [ aggiornato in data 06 lug 2016, 09:08 ]


Il progetto rsync è nato il 22 Giugno del 1996 (questa è la data del primo commit) dalle sapienti mani di Andrew Tridgell, che all'epoca rivestiva ruoli di Amministratore UNIX e ricercatore nell'ambito dei supercomputer presso la Australian National University (considerato il miglior istituto di istruzione superiore dell'Australia).

Per fare il backup con rsync senza che venga chiesta la password (tipicamente per l'uso con cron) si può procedere in questo modo:

ssh-keygen
per generare la coppia di chiavi. ATTENZIONE! che se la coppia di chiavi esiste già, verrà sovrascritta.
ssh-copy-id utente@computerdidestinazione
per provare se tutto "fila liscio" scrivere
ssh utente@computerdidestinazione
(il comportamento atteso è ovviamente che non richiederà la password per il login.

Questo, infine, il comando che ho inserito nel crontab
rsync -h --progress --stats -r -tgo -p -l -D --update --exclude=**/*tmp*/ --exclude=**/*cache*/ --exclude=**/*Cache*/ --exclude=**~ --exclude=**/lost+found*/ --exclude=**/*Trash*/ --exclude=**/*trash*/ --exclude=**/.gvfs/ --protect-args -e "ssh -i /home/utentesulserversorgente/.ssh/id_rsa.pub -p 22" /home/utentesulserverdidestinazione/ nomeutente@192.168.1.6:/home/utentesulserverdidestinazione/directorydelbackup/



#ssh #rsync

1-10 of 172